Tirare indietro le lancette del tempo

«Ha 69 anni ma ne dimostra 45: vuole cambiare età per rimorchiare di più su Tinder. E fa causa allo Stato. Emile Ratelband ha 69 anni, ma si tiene ancora giovane: non lo dice soltanto lui, ma anche i medici, che gli hanno detto che ha il corpo di un 45enne. E per Emile ciò è talmente importante da averla presa decisamente sul serio, fino a fare causa per difendere la “gioventù” del suo corpo.

Del suo caso stanno parlando i media di tutto il mondo, perché Emile ha deciso di fare causa alle autorità del suo Paese. Secondo Emile, così come le persone transgender sono autorizzate a cambiare sesso, anche lui dovrebbe avere il permesso di cambiare la sua data di nascita. Ratelband, un ‘guru motivazionale’ molto conosciuto nel suo Paese, ha citato in giudizio le autorità olandesi dopo che hanno rifiutato di assecondare la sua richiesta di modificare l’età anagrafica sui documenti. Nato l’11 marzo del 1949, Ratelband aveva infatti chiesto di posticipare la sua data di nascita all’11 marzo del 1969».

Questa è la notizia. Certamente è una notizia perché a suo modo pone una questione: un uomo pretende gli venga riconosciuto legalmente il diritto di darsi l’età che gli aggrada appoggiandosi a una presunta valutazione medico/scientifica. La cosa fa sorridere ma non la liquiderei come la bizzarra richiesta di un inossidabile narciso. La questione è che il fatto è diventato notizia, questo perché parla di qualcosa che ci riguarda. Volgere la lancetta del tempo all’indietro è un’aspirazione di tutti. Pretendere di farlo segna un avanzamento dell’aspirazione. Il signor Emile sarebbe l’avanguardia di un ardito progetto: manipolare il tempo.

Siamo all’insegna del “tutto è possibile”; ecco dove abita la curiosità e l’interesse verso la posizione assunta dal signor Emile. La legge umana che lui cerca di forzare con l’appoggio della scienza – e questa purtroppo non è una notizia – inscrive sempre nel cuore della vita l’esperienza dell’impossibile: non puoi fare tutto quello che vuoi, non puoi avere o essere tutto. Emile sembra, invece, aver raccolto le insegne del rifiuto dell’esperienza dell’impossibile. Il suo gesto e le sue parole non ci sono così estranee perché oggi è diffusa e condivisa l’idea che ogni legge, scritta o morale, che limita la libertà di essere ciò che ci garba è  a diritto interpretabile come oppressiva. “Tutto deve essere possibile” è diventato il mantra del nostro tempo. Dire qualcosa nel segno del limite è politicamente scorretto e socialmente pericoloso, perché nel nostro tempo la rinuncia non ha più senso, la rinuncia è solo un’occasione perduta. Vorrei, però, domandare ad Emile se crede davvero che togliendosi anagraficamente vent’anni vivrà vent’anni in più, poiché è disposto a rinunciare alla pensione è possibile azzardare che per lo meno ci speri.

A ogni modo, e per nostra fortuna, il limite invalicabile, per ora, impostoci dalla nostra finitezza biologica continua a significare la nostra vita che si vitalizza proprio perché entra in dialettica con l’impossibile. Un esempio? Come si può amare con passione chi non ha una fine? Il “ti amerò per sempre” è  un sentimento dell’infinito, possibile proprio perché inscritto nella finitezza della nostra esistenza. Insomma,  la passione dell’eterno è il dono del finito, ovvero del limite. Meglio rivalutarlo questo limite, piuttosto che sprofondare nel luna park del “tutto è possibile e tutto mi spetta”.

CR


, , ,

Carlo Rosso

Medico, specialista in psichiatria, psicoterapeuta, sessuologo. Da anni studia e cura i disturbi dello spettro depressivo, bipolare panico/fobico, oltre ai disturbi d'ansia e alle disfunzioni del comportamento sessuale.

Continuando ad usae il sito accetti i termini sui cookies. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi