Una riflessione sull’educazione sessuale dei giovani adulti

Qui andrò un po’ controcorrente: perché penso che nella cosiddetta educazione sessuale bisognerebbe anche educare all’uso consapevole dei corpi, al legittimare le fantasie sessuali e quindi al favorire un uso consapevole della trasgressione.

Non bisogna mettere in contrapposizione sentimento e sessualità trasgressiva come se uno potesse soffocare l’altro. È proprio il contrario, l’uno è l’ossigeno dell’altro. Voglio dire che per poter continuare a desiderare sessualmente la persona con la quale abbiamo aperto un “tra di noi” è necessario riposizionare di nuovo il confine tra noi e lei e trattarla da straniero, ovvero trasformarla temporaneamente in oggetto sessuale. È un movimento opposto all’intimità, al sentimenti, ma è così. Bisogna essere capaci d’essere intimi ma non si può vivere nell’intimità, pena lo smarrimento della possibilità di erotizzare il nostro compagno.

Quindi, la pornografia, che non è che la rappresentazione di una parte del nostro mondo interno, nello specifico delle nostre fantasie, è un ingrediente essenziale nella tenuta della coppia. Per dirla in modo chiaro, quando sono consultato da coppie giovani chiedo a loro se hanno già condiviso a parole ciò che li incendia veramente per quanto concerne il sesso. Il più delle volte la risposta è no. Pensano che il sentimento abbia la forza di tenere tutti i pezzi insieme e non sono capaci di essere veramente intimi raccontandosi il fondo perverso del loro desiderio. È una follia, il sentimento, ovvero l’intimità, deve sempre essere in dialettica con la capacità di usare la soggettività degli altri che, in assenza di sentimento, è pornografia, ma in dialettica a esso diventa il centro della tenuta della coppia nel tempo. Ecco quello che dovrebbe essere il messaggio educativo inerente il sesso.

CR


, , , ,

Carlo Rosso

Medico, specialista in psichiatria, psicoterapeuta, sessuologo. Da anni studia e cura i disturbi dello spettro depressivo, bipolare panico/fobico, oltre ai disturbi d'ansia e alle disfunzioni del comportamento sessuale.

Continuando ad usae il sito accetti i termini sui cookies. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi