Non ci sono scorciatoie – il caso di Gloria Rosboch  

I fatti sono piuttosto noti e reperibili in cronaca. Gloria Rosboch, la professoressa di lingua francese uccisa il 13 gennaio dal ventiduenne Gabriele Defilippi, aveva due torti: essere troppo radicata nella famiglia d’origine, e quindi monca di quelle ali che i genitori dovrebbero donarti per andare oltre al loro orizzonte; avere 187.000 euro, i risparmi di una vita non vissuta.

Ah, aveva pure un’idea bizzarra: fuggire con uno psicopatico di 22 anni in Costa Azzurra, credere all’incredibile, con l’illusione di emanciparsi da se stessa. Forse l’amore per quel giovane l’ha resa cieca, ma forse Gabriele incarnava una vita altra cui tendere. Insomma da un’esistenza inautentica a una parodia del rotocalco. E in questo il sentire di Gloria non era probabilmente così diverso da quello del suo assassino.

Entrambi desiderosi di imboccare scorciatoie per emanciparsi da luoghi e reti relazionali incombenti; il primo con il lucido calcolo del criminale psicopatico, lei con l’ingenuità di una bambina che, per recidere il soffocante cordone del legame familiare, necessita di uno strappo possibile solo attraverso la complicità di una figura forte, il suo boia appunto.

Ma che cosa ci rende vulnerabili sino alla stupidità? Il bisogno, il bisogno ci indementisce, ci induce a sottovalutare i segnali di sospetto; quello vogliamo, e crediamo a tutto ciò che ci promette la meta agognata. Gloria voleva diventare emotivamente grande con una fuga, con un atto, con uno strappo; ma non esiste una scorciatoia per raggiungere la maturità emotiva, questa va conquistata con fatica e tempo. Le scorciatoie aggettano su strapiombi, ecco cosa ci insegna questa folle vicenda.

CR


, , , , , ,

Carlo Rosso

Medico, specialista in psichiatria, psicoterapeuta, sessuologo. Da anni studia e cura i disturbi dello spettro depressivo, bipolare panico/fobico, oltre ai disturbi d'ansia e alle disfunzioni del comportamento sessuale.

Continuando ad usae il sito accetti i termini sui cookies. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi