La fragilità dell’uomo che non deve chiedere mai

Gli uomini che hanno successo con le donne – indipendenti, sessisti in modo più o meno politicamente corretto, inclini all’autorispecchiamento, desiderosi di essere desiderati – quelli per cui è assolutamente il vestito che fa il monaco e che si baloccano con le aspirazioni frustrate di donne spesso meno giovani, quelli per cui la “sostanza” è l’apparenza e il “bisogno” il fastidioso orpello di una dimensione umana che si vuole trascendere. Per questi invidiati e ammirati soggetti è stata pubblicata una ricerca – sul Journal of Counseling Psychology, prestigiosa rivista dell’American Psychological Association – che rischiara il lato d’ombra degli aspiranti semidei.

Joel Wong e allievi hanno messo in evidenza un legame tra comportamento sessista e problemi come il Disturbo Depressivo e l’Abuso di Sostanze. Lo studio ha valutato di più di 70 ricerche che hanno coinvolto complessivamente 19.000 uomini sopra gli 11 anni. Nella maggior parte dei casi i soggetti sono stati sottoposti al test Conformity to Masculine Norms Inventory che registra 11 atteggiamenti tra cui la competitività, la tendenza ad assumersi rischi e la ricerca di status symbol. È stata riscontrata una associazione significativa tra comportamenti seduttivi; promiscuità sessuale; eterosessualità sconfinante nell’omofobia; fascinazione per il rischio; tendenza a esercitare un potere sulle donne e spiccata fiducia in sé con disturbi mentali quali quelli depressivo e l’abuso/dipendenza da sostanze, in particolare l’alcolici.

Nella ricerca questi uomini sono in maggioranza caucasici, hanno difficoltà a mettersi in discussione e a cercare aiuto poiché prigionieri dello stereotipo che vede il vero uomo non rivelare le sue debolezze e correre da solo i propri rischi, per affermare uno pseudo coraggio che finisce invece per nuocergli.

Per saperne di più:

Wong, Y. J., Ho, M.-H. R., Wang, S.-Y., & Miller, I. S. K. (2016, November 21). Meta-Analyses of the Relationship Between Conformity to  Masculine Norms and Mental Health-Related Outcomes”. Journal of Counseling Psychology.

http://www.apa.org/pubs/journals/releases/cou-cou0000176.pdf

Carlo Rosso

Medico, specialista in psichiatria, psicoterapeuta, sessuologo. Da anni studia e cura i disturbi dello spettro depressivo, bipolare panico/fobico, oltre ai disturbi d'ansia e alle disfunzioni del comportamento sessuale.

Continuando ad usae il sito accetti i termini sui cookies. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi