Il pediatra ai genitori vegani non lo vorrei pagare

«Non discutiamo le scelte delle famiglie, ma vogliamo la certezza che un pediatra segua il bambino in un regime alimentare che, se non controllato, può essere molto pericoloso.»

Ecco la frase per la quale mi induco a controllare la mia emotività per forzarla in una riflessione. Trattasi dell’ultimo, tutt’altro che isolato, caso di malnutrizione di minore: nello specifico, una bimba di due anni circa che ha subito un regime dietetico vegano, perché così piaceva ai suoi genitori. Da un lato c’è lo stile di vita vegano che, diventando ideologia, mira al proselitismo, e poco importa se di minori indifesi. Dall’altro la risposta imbelle dei rappresentanti delle istituzioni sanitarie che tracima, come spesso accade, nell’ignavia del politicamente corretto, con il risultato di accollare ai cittadini l’onere economico dei controlli e delle cure atte a salvare le piccole vittime – e ci mancherebbe – ma con l’effetto di proteggere l’esercizio di libertà di quei genitori scellerati e fragili che amano anteporre l’ideologia al buon senso.

È noto che un regime dietetico vegano è assai difficile da gestire in un bambino impegnato nella crescita. Se i genitori decidono di mettere a rischio l’armonico sviluppo e la salute del loro bambino, perché dobbiamo andare loro incontro sul carro del liberismo incondizionato? Questo nostro atteggiamento culturale, senza se e senza ma, è odioso e pericoloso. Io penso che una comunità abbia il diritto e, soprattutto, il dovere di fornire indicazioni relative ai corretti stili di vita e prendere distanze nettissime da condotte considerate inopportune dal punto di vista della salute. Non va bene tutto! Quindi, se questi genitori decidono di sottoporre il figlio a uno stile alimentare rischioso dovrebbero essere obbligati a garantire al figlio tutti i controlli pediatrici/nutrizionistici del caso. E io, in qualità di contribuente, quei controlli non vorrei pagarli! Se vogliamo difendere una società che garantisca le libertà, a prescindere dal buon senso e dalle conoscenze scientifiche, dobbiamo anche disporci a far capire che certe libertà hanno dei prezzi in termini di obblighi, di costi e di riprovazione sociale.

Leggi l’articolo di partenza


, , , , , , , , , ,

Carlo Rosso

Medico, specialista in psichiatria, psicoterapeuta, sessuologo. Da anni studia e cura i disturbi dello spettro depressivo, bipolare panico/fobico, oltre ai disturbi d'ansia e alle disfunzioni del comportamento sessuale.

Continuando ad usae il sito accetti i termini sui cookies. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi