Il desiderio crocevia di felicità o di smarrimento

L’esperienza terapeutica ci insegna che l’angoscia esorbita spesso il mero significato clinico indicando alla persona che la vive la prossimità alla verità – rimossa – del proprio desiderio, mettendola così innanzi a ciò che cerca di evitare. E così pure l’esperienza dell’infelicità è spesso legata al fatto che la nostra vita non è corrispondente con ciò che desideriamo.

Ma di che cosa parliamo quando parliamo di desiderio?

Il desiderio è slancio inconscio, più spesso temuto, che spinge alla relazione con l’ Altro e che comporta sempre un’inevitabile sconcerto, un turbamento conseguente alla perdita di padronanza perché non sono “io” che decido il mio desiderio, è lui che decide di me, mi ghermisce e mi vivifica. Il desiderio è una potenza, uno slancio che mostra come la vita diventa umana solo attraverso la relazione, il riconoscimento della dipendenza, della differenza, della vulnerabilità.

La nostra felicità non può che transitare da un’assunzione di responsabilità verso il nostro desiderio ma – e questo è il nucleo drammatico dell’esistenza – nulla ci garantisce che l’accoglimento del desiderio sia per noi generativo e non ci conduca, piuttosto, allo smarrimento.


, , ,

Carlo Rosso

Medico, specialista in psichiatria, psicoterapeuta, sessuologo. Da anni studia e cura i disturbi dello spettro depressivo, bipolare panico/fobico, oltre ai disturbi d'ansia e alle disfunzioni del comportamento sessuale.

Continuando ad usae il sito accetti i termini sui cookies. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi