Ci vuole saggezza nell’uso della pornografia e della trasgressione sessuale

È innegabile: esiste un’assuefazione alla pornografia e alla trasgressione sessuale. Messo a fuoco il tipo di pornografia preferito si cerca poi di individuare variazioni sul tema sempre più eccitanti. Questo è uno dei motivi che porta alcuni fruitori di pornografia a iscriversi a siti di pagamento tematici che promettono e mantengono un livello di qualità pornografica più alto. A questo si aggiunge poi il tema dell’insensibilità ai contenuti soft.

In realtà ogni fantasia per essere eccitante deve essere credibile, il che non significa che si debba realizzare ma si deve poter pensare che questa potrebbe accadere. Solo in questo modo la fantasia conserva il suo potenziale eccitante.

E qui viene il punto. Se apparteniamo a quella fascia di esploratori sessuali che realizzano le fantasie esplicitate dalla pornografia, il rischio che queste si debbano sempre più estremizzare per continuare a essere eccitanti esiste. Ma il vero rischio di queste situazioni, in un ottica di coppia, è che ciò che era iniziato come un gioco eccitante che univa diventi un’attività eccitante che disunisce. Quindi sta alle persone inoculare la saggezza della misura nel dosare la trasgressione.

CR


, , ,

Carlo Rosso

Medico, specialista in psichiatria, psicoterapeuta, sessuologo. Da anni studia e cura i disturbi dello spettro depressivo, bipolare panico/fobico, oltre ai disturbi d'ansia e alle disfunzioni del comportamento sessuale.

Continuando ad usae il sito accetti i termini sui cookies. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi