Accesso ai trattamenti

È un articolo interessante che merita di essere letto perché rende l’idea di come i disturbi del funzionamento della nostra mente siano, come sagacemente sottolineava Indro Montanelli, «democratici».

Sì, tutti possiamo incontrarli nel corso della nostra vita. Ma per via della scissione tra mente e corpo, figlia della nostra cultura, tutti familiarizziamo con l’idea di poterci ammalare nel corpo ma non certo nella mente. Il problema è che la mente è il prodotto di un organo – il cervello – che come gli altri organi può alterarsi nel suo funzionamento.

Il nodo della questione è però quello dell’accesso ai trattamenti, ancora limitato dal pregiudizio, e quello della garanzia di ricevere un trattamento adeguato al disturbo. Per quest’ultimo punto, rilevo che sarebbe auspicabile che i professionisti della salute mentale sapessero fornire proposte terapeutiche libere da imbrigliamenti ideologici e pragmaticamente mirate a ridurre o risolvere il disagio/disturbo con il trattamento più adeguato: ora farmacologico, ora psicoterapeutico, ora farmacologico e psicoterapeutico associati.

Invece lo stato delle cose vede spesso lo stesso paziente rifiutare o, alla peggio, esercitare una pressione sul tipo di terapia desiderata. Esiste, infatti una sottocultura relativa agli psicofarmaci che li rende invisi, perché li assimila alle droghe; e un pregiudizio individualista che ci rende poco gradita l’idea che vi possa essere qualcun altro (aiuto psicoterapeutico) – e non noi – capace di accompagnarci e fornirci strumenti per superare la nostra sofferenza.

Leggi l’articolo

Carlo Rosso

Medico, specialista in psichiatria, psicoterapeuta, sessuologo. Da anni studia e cura i disturbi dello spettro depressivo, bipolare panico/fobico, oltre ai disturbi d'ansia e alle disfunzioni del comportamento sessuale.

Continuando ad usae il sito accetti i termini sui cookies. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi